22. September 2016

ADESSO: NEUE SERIE - L’Italia nel cinema

Mit Kino Italienisch lernen! "L'Italia nel cinema" ist unsere neue Serie für das leichte Heft im Heft, die monatliche ADESSO-Beilage mit unterhaltsamen und facettenreichen Themen in einfacher Sprache (Niveau A2). Lernen Sie Meilensteine der italienischen Kinokunst der letzten Jahren kennen, mit Wissenswertem und Kuriosem über Meisterwerke, deren Schöpfern und natürlich ihrem Land, Italien! Dieses Monat La vita è bella, von Roberto Benigni.

Regisseur, Schauspieler, Komiker und Oscar- Preisträger: Mit Humor und seinen Filmen wie La vita è bella hat sich Roberto Benigni weltweit in die Herzen seiner Zuschauer gespielt.

ROBERTO BENIGNI

Tutti conoscono Roberto Benigni per la sua comicità e simpatia. La storia del regista e attore toscano comincia a Manciano Misericordia, un paese
in provincia di Arezzo, dove nasce il 27 ottobre 1952. Il padre Luigi fa il contadino e il muratore, la madre Isolina è casalinga. Nel 1973 Roberto si trasferisce a Roma e, dopo qualche anno, debutta a teatro. Nel 1983 gira Tu mi turbi, il primo film come regista, e sul set conosce Nicoletta Braschi, la sua futura moglie e protagonista di molti suoi film. Iniziano poi le collaborazioni con grandi registi come Jim Jarmusch e Federico Fellini. Il successo internazionale arriva nel 1999, quando La vita è bella (1997) vince tre Oscar.

IL CAPOLAVORO

LA VITA È BELLA

“Immaginavo il mio corpo, il corpo di un comico, messo in una situazione estrema
e l’idea è venuta. Un uomo che ama la vita rinchiuso in un campo di concentramento”. La vita è bella è nato così. Il film racconta due storie d’amore negli anni della seconda guerra mondiale: la prima tra un uomo e
una donna, la seconda quella di un padre che, in un campo di sterminio nazista, per proteggere il figlio, riesce a fargli credere che è tutto un grande gioco, fino alla vittoria.

LA TRAMA. Benigni è Guido Orefice, un giovane ebreo allegro e spensierato, che nel 1938 apre una libreria ad Arezzo, in Toscana. Qui conosce Dora, una maestrina di buona famiglia, fidanzata di un funzionario comunale e membro del partito fascista. Guido si innamora di Dora al primo incontro e riesce a conquistarla. All’inizio della guerra Guido e Dora...

> l’articolo continua su ADESSO di settembre!